Bassi livelli di serotonina – quali sono le conseguenze?

Bassi livelli di serotonina - quali sono le conseguenze

La serotonina è una sostanza chimica che ci rende felici e migliora la nostra sensazione di benessere in generale. Tuttavia, le sue funzioni vanno ben oltre questo.

La serotonina agisce non solo come neurotrasmettitore nel cervello, ma anche come ormone quando raggiunge il nostro flusso sanguigno. La serotonina influisce su una serie di funzioni fisiche e psicologiche, è coinvolta nel metabolismo osseo, nella rigenerazione epatica e persino nella divisione cellulare. Regola lo stato d’animo, il comportamento sociale, la libido, il sonno, la memoria e l’apprendimento.
Come riconoscere i sintomi di una basso livello di serotonina? Nella maggior parte dei casi li associamo ad altri disturbi e problemi di salute, quando in realtà la causa è lo squilibrio ormonale e l’incapacità di adattamento nei neurotrasmettitori

Ecco i problemi causati da un livello basso di serotonina:

  • PROBLEMI DIGESTIVI. Quando i livelli di serotonina nel corpo sono ridotti, le nostre cellule non assimilano abbastanza calcio. Meno calcio abbiamo, meno si contraggono i muscoli digestivi. Di conseguenza, l’intero processo digestivo diventa molto meno efficace di quanto dovrebbe essere. La digestione rallenta e peggiora.
  • SINDROME DELL’INTESTINO IRRITABILE – qual è la connessione? Ecco un fatto molto interessante: il 95% della serotonina viene prodotta e conservata nell’intestino. Pertanto, la mancanza di questo neurotrasmettitore con funzioni di ormone porta a cambiamenti nella funzione intestinale. La sindrome dell’intestino irritabile risulta ad essere collegata. È comunque consigliato rivolgersi al medico per richiedere analisi del sangue. In questo modo si può scoprire con certezza se questa condizione è causata da bassi livelli di serotonina o la causa è diversa.
  • SISTEMA IMMUNITARIO DEBOLE. Nel caso di una debolezza muscolare persistente, cattivo umore, stanchezza eccessiva, raffreddori frequenti o varie infezioni, una delle cause potrebbe essere la mancanza di serotonina. Bassi livelli di serotonina hanno un impatto negativo sul funzionamento del nostro sistema immunitario, quindi una risposta immunitaria debole e inefficace.
  • CAMBIAMENTI DEI RITMI BIOLOGICI. Un passo livello di serotonina può anche portare a cambiamenti nei cosiddetti “orologi biologici” o ritmo circadiano. Uno dei sintomi più comuni è l’aumento della sonnolenza, quando si vuole dormire molto di più durante il giorno che di notte. Va preso in considerazione anche il fatto che l’eccessiva sonnolenza diurna può essere un segno di insorgenza della depressione. Ed è noto che una delle cause della depressione è appunto un basso livello di serotonina.
  • VOGLIA DI CIBI SALATI. Ecco un fatto molto curioso: le persone che soffrono di una mancanza di serotonina nel corpo risentono un grande bisogno di sodio e quindi una voglia costante di qualcosa di salato. Non basta solo questo sintomo per capire se c’è una mancanza di serotonina. Ma può essere un segnale di allarme, specialmente in combinazione con altri segni di basso livello di serotonina: affaticamento, cattivo umore, problemi digestivi ecc.
  • DEPRESSIONE. Abbiamo già menzionato questa condizione. C’è un legame diretto tra bassi livelli di serotonina nel corpo e lo sviluppo della depressione. Ciò è dovuto ad una diminuzione del numero di recettori in grado di assorbire la serotonina o ad una carenza di triptofano (un amminoacido che permette la sua sintesi). Spesso lo stato di depressione può migliorare notevolmente prestando attenzione all’alimentazione e fare attività fisica. È comunque consigliato farsi aiutare da integratori naturali mirati a regolarizzare le funzioni dell’intestino in modo che possa produrre serotonina a livelli normali.
  • ANSIA. Il nostro corpo ha 14 diversi recettori della serotonina, dei quali il più importante è 5-HT1A. Se ad un certo punto il funzionamento di questo recettore viene interrotto, iniziamo immediatamente a innervosirci, sentiamo una sensazione di aumento dell’ansia, dello stress e ci diventiamo molto vulnerabili. Anche questo è un fatto molto curioso, in quanto ci permette di capire che la depressione e l’ansia possono avere cause puramente chimiche.
  • EMICRANIA. La serotonina ha un ruolo chiave nella comparsa delle emicranie. La maggior parte di questi intensi mal di testa è causata dalla carenza di triptofano, il “precursore” della serotonina, che determina la sua corretta produzione.
  • PICCOLI PROBLEMI DI MEMORIA. Spossatezza, disattenzione, difficoltà a concentrarsi. Se hai difficoltà a ricordare alcune informazioni, allora forse il motivo è di nuovo la serotonina bassa. Questo è un sintomo molto comune, specialmente nelle persone che soffrono di depressione.

La serotonina influisce su molti processi nel nostro corpo, non solo quelli elencati sopra. Una dieta equilibrata, uno stile di vita attivo e qualche integratore alimentare ti aiuteranno a ritrovare il tuo benessere.

Intestino Sano è un programma a base di una combinazione bilanciata di prodotti mirati alla purificazione, al ripopolamento della microflora batterica e al reintegro dei nutrimenti di cui c’è la carenza. Un intestino pulito riesce anche a produrre serotonina. Per sapere di più su Intestino Sano (Oneastack HG) clicca qui

Integratore contro depressione, ansia, insonnia

Griffonia – integratore alimentare a base della pianta tropicale con lo stesso nome. Contiene 5-idrossitriptofano (5-HTP) – il precursore della serotonina. Aiuta nei casi di depressione, disturbi di sonno, nevrosi di vari tipi, sindrome di fatica cronica. Per sapere di più su Griffonia clicca qui